“Theatralia”, il festival nazionale dell’arte teatrale a Visciano

Sono state serate intense ed emozionanti quelli trascorse insieme agli amici ed alle amiche della compagnia teatrale “Camomilla a colazione“, creatori del festival nazionale dell’arte teatrale, giunto alla sua terza edizione. Un festival che ha visto la partecipazione di compagnie teatrali campane e non solo, oltre alla premiazione di personaggi del teatro e del cinema italiano. Stasera il gran galà di premiazione, nel quale anche quest’anno, la nostra associazione è chiamata ad esprimere il proprio giudizio per un premio che proprio ad Ipazia è dedicato. Una rassegna del teatro amatoriale nella splendida cornice del parco Giovanni Paolo II di Visciano, che ha visto la partecipazione attenta e costante di tantissime persone, viscianesi e non, segno tangibile di come l’arte teatrale appassioni anche “i non addetti ai lavori”. 

C’è bisogno di cultura e di arte, per questo ringrazio il presidente di Camomilla a colazione, Felice D’Onofrio e l’associazione tutta, per il loro impegno nell’ottima riuscita di questa terza edizione. Con l’augurio di fare sempre di più e sempre meglio. Noi, nel nostro piccolo, saremo sempre a fianco di questa realtà straordinaria che con sacrificio e dedizione, svolge un lavoro egregio non solo per la comunità viscianese ma per tutto il nostro territorio. Ci accomunano i principi: l’idea di cultura come strumento di crescita civile, per promuovere la crescita dei singoli e della collettività. Oggi più che mai bisogna rivendicare con forza che non è l’isolamento ma l’apertura ad aver reso il nostro Paese un modello. La nostra cultura, si arricchisce nelle diversità. E’ l’unico campo che nei secoli anche durante i peggiori conflitti, si è sempre alimentato di scambi. Pittori, attori, scrittori, scienziati hanno sempre fatto circolare saperi ed arti, oltre i perimetri imposti da una cartina geografica. Questa è la strada che noi perseguiamo e che ci trova e ci troverà sempre uniti con Camomilla a colazione e con tutte le associazioni del territorio che perseguono con passione e senza secondi fini un’idea di Cultura che sia vera emancipazione sociale. Ad maiora!

Antonio Soviero

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *