Stavo solo lavorando

Stavo solo lavorando

quando l’impalcatura ha ceduto sotto i miei piedi.

Stavo solo lavorando

quando quel macchinario che conoscevo da un mese o da una vita mi è venuto addosso, prendendomi in pieno.

Stavo solo lavorando

mentre rifacevo le strisce stradali per tutelare chi cammina a piedi,

ma quella macchina non mi ha visto e mi ha centrato in pieno…

Stavo solo lavorando,

sotto il sole, a raccogliere pomodori, a scavare patate,

in piena estate, nelle ore più torride

quando il mio respiro non l’ho sentito più mio…

Stavo solo lavorando

mentre dipingevo le mura per una nuova scuola, ma la scala non era a norma, era normale che cadessi….

Stavo solo lavorando

mentre saldavo i binari della ferrovia, di notte, perché mi avevano detto che le corse dei treni erano ferme,

ed invece no, perché il treno della morte è venuto a prendermi…

Stavo solo lavorando

mentre trasportavo sul mio tir quintali di legna,

cemento,

imballaggi,

frutta,

e tutto ciò che ognuno di voi ignora possa trasportare un tir,

ma i miei occhi erano stanchi, più stanchi dei turni che avevano incatenato le mie giornate,

e d’improvviso, i miei occhi, si sono chiusi, per un colpo di sonno, che durerà per sempre.

Stavo solo lavorando,

al cantiere , per costruire un nuovo supermercato,

ma ha ceduto il ponte, schiacciando la mia vita, tra pietre, polvere e grida dei miei familiari…

Stavo solo lavorando

mentre provavo a testare un’auto elettrica, che sopra la tangenziale ha preso fuoco ed io con lei…

Stavo solo lavorando

senza elmetto,

senza divisa a norma,

senza calzature idonee,

senza sicurezze, senza rispetto della mia persona, senza tutele…

Ecco la mia mamma, mi mancherà la sua merenda…

Vedo mio figlio da quassù, vorrei abbracciarlo forte il mio bambino…

Papà era orgoglioso del lavoro che facevo,

mia moglie mi diceva sempre che lavoravo troppo,

mio marito mi lasciava sempre un biglietto prima che me ne andavo in fabbrica…

Tutto questo perché stavo solo lavorando,

con addosso il peso dell’ inesistenza di leggi che avrebbero dovuto proteggermi,

quel peso, vi assicuro, ora lo sento tutto addosso…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *