Sotto scorta si vede il cuore

Sorridevano i suoi occhi quando parlava,

ma se parlava in napoletano sorridevano di più…

Come uno di noi,

in mezzo a noi…

Che ti prende per mano e ti fa accarezzare il suo sogno di bambino di voler essere domani un calciatore…

Poi ti presenta suo padre, il carattere di suo padre ed anche se non lo vedi lo immagini proprio come lo racconta lui:

un uomo d’un pezzo, capace di dare o riest quando sbagli…

E ti ritrovi davanti un adolescente con nel cuore la difficile scelta tra il borsone da calcio e la pagella da riempire di voti buoni…

“Sei grande”- gli dice il padre – ” sei grande per poter scegliere cosa fare”…

perché è vero che a volte tante cose insieme non si possono fare,

ed è vero che le scelte fanno diventare più grandi,

più chiara la strada da prendere…

La scuola è stata la scelta,

l’università il prosieguo,

la carriera in magistratura la realtà,

l’arresto di un uomo, sotterrato in una trappola senza aria e luce naturale,

a ricordargli che lo stato vince sempre

se vince l’umanità: l’umanità di provare preoccupazione per un uomo che ha scelto una strada sbagliata che gli ha soffocato il destino…

lo stato vince sempre quando come un padre ti affianchi ad un giovane che ha perduto la strada e ha fatto della illegatità la sua grigia esistenza,

lo stato vince sempre quando insegni a chi si è perso a scegliere la strada giusta, un mestiere pulito, uno sguardo al cielo senza vergogna…

Come uno di noi, in mezzo a noi…

un magistrato sotto scorta per renderci liberi noi…

Un magistrato sotto scorta, ma il suo cuore in quegli occhi senza rimorsi, il suo cuore l’abbiamo visto tutti

GRAZIE

Da Ipazia Associazione culturale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *