“Natale, cumm’é bell’Natale”.

Cumm’è bell’Natale, a sera d’a Vigilia è tutta n’allegria p’a nascit’e Gesù.

A tavola apparicchiata, l’arber’allumminato.

‘O presepio sta stutato pecché a mezzanotte s’add’appiccià.

Mammà int’a cucina prepar’e cose bone frie ‘o capitone ca nun ce pò mancà!

“A casa è chin’e fummo!”- allucca già papà -“arape stu balcone ca nun se pò respirà!”.

O’nonno friddugliuso annanz’a nu vraserech’e mmane dint’e mane se piglia tutt’o calore!

Natale è pruvverenza, ce penz’ ‘o Bambiniello ‘o ricco e ‘o puveriello a tutti fa campà.

È questa una delle poesie dedicata alla sera della Vigilia di Natale del territorio campano….

Riportata, a volte, sulle letterine, che i bambini a scuola assieme alle maestre decorano…

Tempo fa le letterine, i bambini le leggevano in piedi sulla sedia intorno alla tavola, davanti a tutti.

Ed eccoli i nonni, mettere le mani in tasca e premiare questa rappresentazione…

Ed un po’ più grande si sentiva il bambino stringendo tra le mani letterina e soldini!

Ma da dove viene questa poesia?

Non si sa con precisione chi sia l’autore di tale meraviglia, che in poche righe racchiude il senso del Natale, del ritrovarsi insieme tra gli odori della frittura, il luccichio dell’albero di Natale ed il candore della paglia di una piccola stalla che aspetta il ogni anno, il suo Bambinello…

“La conosco!”

“L’ho sentita!”

”La imparai a scuola anche io, tempo fa!”.

E non importa se è l’anno scorso o una vita fa!”…

L’importante è che di essa se ne ricordi, se ne parli, per dare nel proprio cuore, ogni volta, una carezza al volto sconosciuto del suo autore, per ringraziarlo di farci comprendere ieri, oggi e domani cumm’é bell’Natale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *