Bambini: insegnanti di vita

Rieccoci, in tema carnevalesco di fronte a bambini curiosi…

curiosi di sapere cosa uscirà dalla scatola decorata,

curiosi di sapere se da piccoli anche noi bevevamo la pioggia gocciolante dai panni bagnati…

curiosi di sapere se la nostra Cenerentola, quella vera, ha trovato nuovamente la sua vita tra le mani…

curiosi di sapere perché arlecchino si chiama così ed anche pulcinella e perché non sappiamo delle altre maschere…

Perché i bambini non smettono mai di chiedere e questa è una cosa bella perché ci impegna a conoscere ancora per avere ancora ed ancora tanto altro da dire…

Perché se sei di fronte ad un bambino,

l’impreparato sei tu,

se non ti poggi alla sua altezza,

se non riesci ad entrare in punta di piedi nel suo cuoricino…

Per poi meravigliarti di quanto immenso è quel cuoricino,

tantè che tra i vicoli di quella innocenza puoi perderti…

e ritrovarti solo quando una manina calda ti prenderà la mano..

Per risentirti vivo quando quel bambino ti dirà che il sole rende felici…

e ti sentirai felice, davvero…

e non importa se ritorni a casa e ricordi pochi nomi…

non te ne frega…

perchè ricordi i loro sorrisi,

i loro occhi,

dove ci vedi il cuore…

ed il cuore di un bambino lo stampi addosso…

e ti senti più grande anche se grande già lo sei….

ma ti senti grande davvero…

perché mentre insegni a quel bambino quel poco in più che ritieni di sapere,

Lui ti insegna della vita un’ altra lezione, d’amore, di condivisione, di coraggio, di libertà…

come pulcinella che non sa tenere un segreto,

il nostro segreto vogliamo gridarlo al mondo: fai felice un bambino e sentirai il cuore leggero e pieno di sole…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *