A Giulia.

Non staremo in silenzio.
Urleremo a squarciagola.
Per il tuo fiore martoriato
resteremo senza fiato.

Il tuo sogno di alloro
fu spezzato con odio,
ma lassù dottoressa sarai,
in eterno resterai
nei ricordi rimarrai.

Le carezze del papà
non ti lasceranno mai.
Ad un nuovo albero ti aggrapperai
e lì protetta ti sentirai.

A questa Terra maledetta
manca la tua tenerezza.
La tua infinita dolcezza
non ha, purtroppo, distrutto la sua nefandezza.

Il tuo posto occupato
ricorderà che è disumano
morire uccisa dalla mano
di chi si diceva innamorato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *